Torta di carote

Dolce morbido e molto soffice, ideale per le colazione e per le merende nel pomeriggio. Facilissimo da fare, con dei pochi passaggi, facendo attenzione a creare la crema di carote senza grumi e il composto spumoso ed omogeneo da ottenere.

Cenno storico

Per come la conosciamo noi la torta di carote è un’ invenzione recente. La ricetta si è evoluta lentamente nel tempo e ha origine antichissime: nel Medioevo i dolci alle carote erano più budini che vere e proprie torte. Nel Medioevo iniziarono ad usare le carote nei dolci perchè il miele e lo zucchero scarseggiavano e costavano tantissimo. Dopo la barbabietola da zucchero, la carote è la verdura più dolce e zuccherosa ed evidentemente era più facile da reperire. Uno dei passaggi più importanti nella storia della torta di carote avvenne nel 1960, quando gli Americani la introdussero nei libri di cucina, spesso accompagnata con una crema dolce di formaggio.

Ingredienti stampo per ciambella da 32 cm

  • Gr 750 di carote già pelate
  • Gr 390 di Farina “00”
  • (oppure 290gr di farina “00” + 50gr di farina di mandorle)
  • Gr 90 di fecola di patate
  • Gr 320 di zucchero semolato
  • Gr 240 olio di semi di girasole
  • N° 6 uova
  • N° 2 arance (solo la buccia)
  • N° 2 bustine di lievito in polvere per dolci
  • N° 1 pizzico di sale fino
  • Zucchero a velo per decorare

Procedimento

Sanificare e pelare le carote. Tagliarle a pezzi, aggiungere le bucce d’arance e l’olio di semi di girasole. Versare il tutto in un mixer e frullare fino ad ottenere un crema senza grumi.

Addizionare le uova alla crema di carote e mescolare con una marisa (spatola flessibile). In una ciotola unire la farina, la fecola, lo zucchero, il sale ed il lievito. Aggiungere la crema di carote e continuate a mescolare il tutto con la spatola, ottenendo un composto omogeneo.

Versare il composto ottenuto in uno stampo da ciambella, precedentemente imburrata ed infarinata.

Cuocere in forno preriscaldato a 175c° per circa 45/50 minuti. Ma controllare con uno stecchino di legno è sempre meglio ed affidabile.

Sfornare e lasciar intiepidire per 20 minuti nello stampo. Sformarlo e spolverare di zucchero a velo. Tagliarlo a fette e servire per colazione oppure per le merende del pomeriggio. Si può accompagnare anche con una salsa alla vaniglia.

Buon Appetito

Ultimi Articoli

81° Gran Premio Ippodromo di Merano

La scuola alberghiera Cesare Ritz partecipa al grande evento Gran Premio Ippodromo di Merano il 27 settembre 2020, organizzando un area events per degustare pietanze preparate dagli allievi. Events Area è stata l’area l’organizzata per poter ospite circa 350 ospiti. Sono 50 allievi della scuola alberghiera “Cesare Ritz” impegnati in questa manifestazione. Suddivisi in ricevimento … Continua a leggere 81° Gran Premio Ippodromo di Merano

Concorso gastronomico “ROBY FONTANA” 07.12.2019

Bando di concorso 1ª EDIZIONE DEL CONCORSO GASTRONOMICO “ROBY FONTANA” TEMA 2019: BACCALÀ E PANETTONE LOISON Loison Innovatrice e Comunicativa con il suo Panettone fa Cultura ed Attualità Titolo I – Iscrizione al concorso e selezione dello studente Art. 1 Il concorso gastronomico a tema dedicato a Roberto Fontana “BACCALÀ E PANETTONE LOISON” (edizione 2019) … Continua a leggere Concorso gastronomico “ROBY FONTANA” 07.12.2019

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

BREVE CENNO STORICO Le zeppole di San Giuseppe sono molto popolari nella zona vesuviana e un tempo erano preparate direttamente nelle strade. Malgrado il nome, non traggono le proprie origini nel comune di San Giuseppe Vesuviano: ci sono varie ipotesi sull’invenzione di questo dolce, riferita sia alle suore di San Gregorio Armeno sia a quelle … Continua a leggere ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Seguimi

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.