Tarallini al rosmarino fatti in casa

Il tarallo o il tarallino è un prodotto da forno tipico del Sud Italia. Posso essere salati, con spezie e aromi diversi oppure dolci. Ogni singola regione del Sud d’Italia lo caratterista in base alle proprie spezie o tradizione del popolo. Dalla forma ad anelli oppure intrecciati, si può formare un impasto neutro senza uova, aggiungendo del vino bianco o marsala.

Cenno storico per il tarallo

Da dove nasca la parola tarallo non si sa con certezza. Le ipotesi sono tantissime. L’ipotesi più accreditata è che discenda dal greco “doratos” sorta di pane o dall’Italico “tar” che significa avvolgere.

Se non sono chiare le origini del nome del tarallo, si sà dove è nato e soprattutto si sà come si sia diffuso e perchè.

La nota scrittrice napoletana Matilde Serao fondatrice del Corriere di Roma, trasferendosi a Napoli, si occupò di scrivere per il Corriere del Mattino, da lì a breve con la fusione dei due giornali diventò il Corriere di Napoli. Scrisse un libro chiamato “IL VENTRE DI NAPOLI”. All’intero del libro parla dei fondaci di Napoli del 700 e della vita popolare nelle stradine vicino al porto. Nel libro parla tantissimo dei taralli “nzonga e pepe”, cioè sugna e pepe. Narra che a quei tempi c’èra tantissima povertà e si soffriva tantissimo la fame. I fornai dei vicoli di Napoli per non buttare le rimanenze dell’ impasto del pane, lo condivano con sugna, pepe, vino bianco e poi le mandorle, lo riducevano a striscioline e lo chiudevano ad anello oppure lo intrecciavano e poi chiudevano ad anello. Prima bolliti e poi infornati. In tal modo non si buttava via nulla e al popolo piaceva tantissimo per il suo gusto ma anche per il costo che era bassissimo.

Cenno storico per il tarallino

Con il termine tarallino si intende la varietà Pugliese dei taralli. Si narra che abbia una storia ancora più antica dei tarallucci Napoletani. Infatti la sua nascita risale al 400, dalle contadine Pugliese che avendo in casa farina, olio extra vergine d’oliva, acqua, sale e spezie crearono un pane a piccoli pezzi con un basso potere calorico perchè era privo di sugna e di lievito. Dalla forma piccola e croccante è diventato il più famoso per gli aperitivi da stuzzicare.

Ingredienti

  • Gr 500 di farina”00″
  • N° 1 uovo
  • Gr 15 di rosmarino tritato
  • Gr 100 di Olio extra vergine
  • Gr 50 di vino bianco
  • Gr 50 d’acqua
  • Gr 8 di sale fino
  • Gr q.b. pepe nero

Procedimento

Disporre la farina a fontana su una spianatoia. Aggiungere le uova. l’olio, il sale ed il rosmarino. Impastare bene il tutto aggiungendo il vino bianco e l’acqua fino ad ottenere una pasta omogenea. Far riposare per circa 15 minuti. Stendere manualmente l’impasto formando dei bastoncini. Piegarli e unirne le estremità così da formare dei cerchi.

Lessare i taralli così ottenuti per 2-3 minuti in acqua bollente, scolarli quando vengono a galla e farli asciugare su un panno di cotone.

Disporli allineati su di una teglia con carta forno e cuocerli in forno preriscaldato a 180/200°C per circa 15 minuti. Servirli freddi.

Buon appetito

Ultimi Articoli

81° Gran Premio Ippodromo di Merano

La scuola alberghiera Cesare Ritz partecipa al grande evento Gran Premio Ippodromo di Merano il 27 settembre 2020, organizzando un area events per degustare pietanze preparate dagli allievi. Events Area è stata l’area l’organizzata per poter ospite circa 350 ospiti. Sono 50 allievi della scuola alberghiera “Cesare Ritz” impegnati in questa manifestazione. Suddivisi in ricevimento … Continua a leggere 81° Gran Premio Ippodromo di Merano

Concorso gastronomico “ROBY FONTANA” 07.12.2019

Bando di concorso 1ª EDIZIONE DEL CONCORSO GASTRONOMICO “ROBY FONTANA” TEMA 2019: BACCALÀ E PANETTONE LOISON Loison Innovatrice e Comunicativa con il suo Panettone fa Cultura ed Attualità Titolo I – Iscrizione al concorso e selezione dello studente Art. 1 Il concorso gastronomico a tema dedicato a Roberto Fontana “BACCALÀ E PANETTONE LOISON” (edizione 2019) … Continua a leggere Concorso gastronomico “ROBY FONTANA” 07.12.2019

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

BREVE CENNO STORICO Le zeppole di San Giuseppe sono molto popolari nella zona vesuviana e un tempo erano preparate direttamente nelle strade. Malgrado il nome, non traggono le proprie origini nel comune di San Giuseppe Vesuviano: ci sono varie ipotesi sull’invenzione di questo dolce, riferita sia alle suore di San Gregorio Armeno sia a quelle … Continua a leggere ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Seguimi

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.