Il migliaccio dolce Napoletano

Il migliaccio è un dolce tipico napoletano, legato soprattutto al periodo di Carnevale. Torta dolce a base di semolino e ricotta, dal risultato compatto e morbido, è irresistibile da mangiare e piace a tutti sia grandi che piccini.

Cenno storico

Il migliaccio che esiste nella versione dolce e salata, ha origini molte antiche, infatti risale al medioevo precisamente nel anno 1000. Il suo nome deriva dalla parola miliaccium, che indicava il pane medioevale a base di miglio.

Arrivato in Italia con gli antichi greci ed usato poi anche dai latini, il miglio era uno dei cereali e ingredienti principali dell’alimentazione medioevale e veniva coltivato nelle campagne della Campania Felix. Ed è proprio nelle campagne Campane che fù inventato questo dolce da una contadina. Con il miglio poi c’erano altri ingredienti semplici presenti nella vita contadina, come uova, latte, zucchero e ricotta di capra.

Con l’avvento del mais americano, il miglio fù sostituito dalla semola, cambiando la versione originale della ricetta e prendendo sempre di più il nome di migliaccio napoletano a differenza dalle altre regione che mettendo le castagne oppure usando il sangue di maiale, cambiavano totalmente nome e ricetta del dolce.

Ingredienti per 2 stampi tondi da 28 cm per 4 m d’altezza:

  • 1 lt di latte intero fresco
  • 250 gr di semolino
  • 30 gr di burro
  • n°6 uova intere
  • 200 gr di zucchero semolato
  • 400 gr di ricotta
  • n° 1 bustina di vanillina
  • 25 gr di liquore strega
  • 1 pizzico di sale
  • 1 buccia di limone grattugiata

Altro:

  • 25 gr di burro per imburrare gli stampi
  • 25 gr di farina “00” per infarinare gli stampi
  • 20 gr di zucchero a velo per decorare e servire il dolce

Procedimento

Mettere il latte e il burro in una casseruola e farlo riscaldare. Quando sarà ben caldo, aggiungere il semolino a pioggia, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno. Cuocere per circa 10 minuti a fiamma bassa, finchè non diventerà un composto ben compatto e non più liquido. Lasciarlo intiepidire a temperatura ambiente.

In una bacinella disporre la ricotta setacciata ed incorporare le uova, il sale, lo zucchero, la scorza di limone grattugiata e la vaniglia, mescolare energicamente per ottenere un composto senza grumi, aggiungere il liquore strega ed amalgamare il tutto.

Unire i due composti, aggiungendo il composto solido del semolino al composto di ricotta e uova e mescolare bene fino ad ottenere un impasto cremoso.

Versare il tutto in due stampi precedentemente imburrati ed infarinati e cuocere in forno ventilato a 180 gradi per circa 50/60 minuti.

Togliere dal forno e far raffreddare prima di sformarli. Spolverare di zucchero a velo e servire a fette.

Buon appetito

Ultimi Articoli

81° Gran Premio Ippodromo di Merano

La scuola alberghiera Cesare Ritz partecipa al grande evento Gran Premio Ippodromo di Merano il 27 settembre 2020, organizzando un area events per degustare pietanze preparate dagli allievi. Events Area è stata l’area l’organizzata per poter ospite circa 350 ospiti. Sono 50 allievi della scuola alberghiera “Cesare Ritz” impegnati in questa manifestazione. Suddivisi in ricevimento … Continua a leggere 81° Gran Premio Ippodromo di Merano

Concorso gastronomico “ROBY FONTANA” 07.12.2019

Bando di concorso 1ª EDIZIONE DEL CONCORSO GASTRONOMICO “ROBY FONTANA” TEMA 2019: BACCALÀ E PANETTONE LOISON Loison Innovatrice e Comunicativa con il suo Panettone fa Cultura ed Attualità Titolo I – Iscrizione al concorso e selezione dello studente Art. 1 Il concorso gastronomico a tema dedicato a Roberto Fontana “BACCALÀ E PANETTONE LOISON” (edizione 2019) … Continua a leggere Concorso gastronomico “ROBY FONTANA” 07.12.2019

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

BREVE CENNO STORICO Le zeppole di San Giuseppe sono molto popolari nella zona vesuviana e un tempo erano preparate direttamente nelle strade. Malgrado il nome, non traggono le proprie origini nel comune di San Giuseppe Vesuviano: ci sono varie ipotesi sull’invenzione di questo dolce, riferita sia alle suore di San Gregorio Armeno sia a quelle … Continua a leggere ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Seguici

Ricevi i nuovi contenuti direttamente nella tua casella di posta.