Grissini fatti in casa stirati a mano

I grissini sono i celebratissimi filoncini di pasta di pane croccante e allungati di origine Torinesi. Conosciuti in tutto il mondo sono uno dei prodotti gastronomici italiani più conosciuti all’estero.

Si dice che i grissini sono stati inventati a Torino nel 1679, infatti prendono il nome da “gherssa” , un tipico pane piemontese dalla forma allungata, per poi essere chiamato “gherssin, per la forma piccola.

Cenno Storico

Si narra che Maria Giovanna Battista di Nemours, vedova del duca Carlo Emanuele II e dunque reggente del Granducato di Savoia, volevo porre rimedio ai problemi intestinali del giovanissimo figlio, Vittorio Amedeo II Francesco, nonché erede al trono. Incaricò al medico di corte Don Teobaldo Pecchio di trovare un rimedio per la salute cagionevole del giovane principe. La diagnosi del medico individuò l’origine del male, nella digestione della mollica del pane dell’epoca che si chiamava “gherssa”.

Il medico convocò il panettiere di corte Antonio Brunero e si misero a lavoro nel panificio di Lanzo, paesino vicino a Corte per trovare una soluzione. Creando un pane senza mollica e croccante, così era altamente digeribile. Partirono dal pane gherssa, il pane allungato dei piemontesi, formarono dei piccoli pezzi di pasta croccanti, allungati con le mani e quindi stirati. Lì chiamarono gherssin, dà lì, il passo è breve a chiamarlo Grissino.

Ingredienti

  • Gr 500 di farina “00”
  • Gr 260 d’acqua
  • Gr 12 di lievito di birra
  • Gr 15 di miele
  • Gr 50 d’olio evo + olio per spennellare
  • Gr 8 di sale.

Procedimento

In una terrina sciogliere il lievito di birra ed il miele nell’acqua. Disporre la farina a fontana in una bacinella e versare al centro l’acqua con il miele e il lievito sciolto in precedenza. Iniziare ad impastare ed aggiungere l’olio evo ed il sale.

Lavorare fino ad ottenere un panetto compatto e morbido. Ottenere con l’impasto una forma rettangolare e spennellare la superficie con dell’olio. Lasciarlo lievitare per circa 2 ore e tagliarlo a strisce non troppo grandi.

Tirare le strisce con le mani (stirare), metterli in teglia, olearli con un pennello e cuocere in forno preriscaldato a 200 c° per circa 15 minuti.

Lasciarli raffreddare temperatura ambiente

Buon Appetito

Ultimi Articoli

81° Gran Premio Ippodromo di Merano

La scuola alberghiera Cesare Ritz partecipa al grande evento Gran Premio Ippodromo di Merano il 27 settembre 2020, organizzando un area events per degustare pietanze preparate dagli allievi. Events Area è stata l’area l’organizzata per poter ospite circa 350 ospiti. Sono 50 allievi della scuola alberghiera “Cesare Ritz” impegnati in questa manifestazione. Suddivisi in ricevimento … Continua a leggere 81° Gran Premio Ippodromo di Merano

Concorso gastronomico “ROBY FONTANA” 07.12.2019

Bando di concorso 1ª EDIZIONE DEL CONCORSO GASTRONOMICO “ROBY FONTANA” TEMA 2019: BACCALÀ E PANETTONE LOISON Loison Innovatrice e Comunicativa con il suo Panettone fa Cultura ed Attualità Titolo I – Iscrizione al concorso e selezione dello studente Art. 1 Il concorso gastronomico a tema dedicato a Roberto Fontana “BACCALÀ E PANETTONE LOISON” (edizione 2019) … Continua a leggere Concorso gastronomico “ROBY FONTANA” 07.12.2019

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

BREVE CENNO STORICO Le zeppole di San Giuseppe sono molto popolari nella zona vesuviana e un tempo erano preparate direttamente nelle strade. Malgrado il nome, non traggono le proprie origini nel comune di San Giuseppe Vesuviano: ci sono varie ipotesi sull’invenzione di questo dolce, riferita sia alle suore di San Gregorio Armeno sia a quelle … Continua a leggere ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Seguimi

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.