Frittatine di pasta alla Napoletana

La frittatina di pasta è un must dello street food partenopeo

Le frittatine di pasta alla napoletana sono una pietanza ispirata alla tradizione campana, in una versione super gustosa con doppia panatura. Monoporzioni perfette per essere servite come antipasto oppure da mangiare per le friggitorie di strada nei vicoli di Napoli.

CENNO STORICO

‘A FRITTATIN”E MACCARUN’ in un disegno che raffigura ragazzi che mangiano la pasta con le mani.

A Napoli è molto sentito il culto del cibo di strada, ampiamente rappresentato in quadri e stampe dell’ 800. Chi non ricorda il bellissimo disegno acquerellato di Filippo Palizzi rappresentante’E Maccarunar’, cioé ragazzi che mangiano avidamente gli spaghetti con le mani.

All’epoca con il termine maccarun’ il popolo identificava qualsiasi tipo di pasta, e la scelta per la gente comune era molto limitata, o spaghetti o ziti lunghi spazzati. Il fatto che la città goda di un clima mite, favorisce il desiderio di mangiare qualcosa per strada velocemente, liberamente con le mani, continuando magari la passeggiata o comunque spinti dall’esigenza di tempi stretti a disposizione.

Il luogo più frequentato in questi casi dai napoletani, e non solo, è la friggitoria dove si possono mangiare classici cibi della nostra tradizione, quali panzarotti, pall”e ris’, zeppulell’, scagliuozz’, pizze fritte ma, la reginetta della friggitoria napoletana è’a frittatina’e maccarun ( frittatina di pasta) che messa in bella mostra in vetrina pare proprio dica “non vedi quanto sono bona, cosa aspetti?

Effettivamente è impossibile resisterle, bella, bionda,croccante e succulenta, vero tripudio di piacere per le papille gustative. Originariamente è stata ideata per riciclare gli avanzi di pasta e quelli del frigorifero, Pulcinella si rammaricava di non averla mai mangiata, e quando gli si chiedeva il motivo rispondeva perché a lui la pasta non avanzava mai. Nel tempo la frittatina si è raffinata fino a diventare un cibo prelibato.

Ingredienti x 15/18 pezzi:

Per la besciamella:

. 1 litro di latte intero
. 100 gr di Farina “00”
. 100 gr di burro
. q.b. di sale e pepe
.q.b. di noce moscata

Procedimento:
Portare a bollore il latte con il sale, pepe e noce moscata.
Sciogliere il burro in una casseruola bassa ed aggiungere la farina. Mescolare con la frutta, ottenendo un roux ed aggiungere il latte caldo. Mescolare e portare a bollore.

Per la cottura dei maccheroni:

. 500 gr di bucatini
. 200 gr di prosciutto cotto
. 125 gr di piselli sbianchiti
. 100 gr di parmigiano reggiano
. 100 gr di pecorino grattugiato
. 10 gr pepe nero
. q.b. sale fino

Procedimento:
Cuocere i bucatini in abbondante acqua salata, scolarli e versare da caldi nella besciamella preparata precedentemente.
Versate il prosciutto cotto tagliato a dadini e i piselli sbianchite. Mescolare il tutto, aggiungere i formaggi e mantecare. Versare il composto in una gastronorm d’acciaio media, rivestita di carta da forno, compattando il tutto.
Lasciare raffreddare e tagliare con un coppa pasta tondo oppure con un coltello formando dei quadrati.

Per l’impanatura e cottura:

. 100 gr di farina”00″
. 5 pz uova intere
. 20 gr d’acqua
. q.b. sale fino
. 200 gr pane grattugiato

Procedimento:
Impanare tutte le forme passandole prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto con sale e acqua e poi nel pane grattugiato.
Friggere in abbondante olio bollente e servire con sale e pepe.

Buon appetito